Carta da forno: tossicità e sicurezza, scopri cosa dice la scienza!

Carta da forno

 

Durante le fredde giornate di inverno, il mio forno è sempre acceso e la carta da forno, come anche la carta di alluminio e la pellicola per alimenti, rappresentano uno strumento pratico per conservare, cucinare e scaldare gli alimenti senza farli attaccare alle superfici. Ma c’è da preoccuparsi per la nostra salute? Lo scopriremo insieme affrontando i seguenti punti:

1. Carta forno: cos’è?

2. Carta da forno fa male?

2.1 Carta da forno: tossicità e precauzioni

2.2 Diciamo no al PVC

3. Scegliere consapevolmente alternative sicure

class=”wp-block-heading

1. Carta forno: cos’è?

Se sei un appassionato di cucina, sicuramente conosci la carta da forno, quindi forse è il caso di scoprire insieme i dettagli di questo pratico strumento culinario.

Parliamo di un sottile foglio di carta trattata con un rivestimento antiaderente, che la rende perfetta per evitare che i cibi si attacchino alle superfici durante la cottura. Questa caratteristica la rende ideale per preparare pietanze al forno senza dover aggiungere grassi come burro o olio.

Ora che sappiamo cos’è, esploriamo meglio la sua sicurezza e utilizzo in cucina.

In generale la carta da forno è realizzata con fibre di cellulosa tratte dal legno ed è rivestita da uno strato di silicone per renderla impermeabile e antiaderente.

2. Carta da forno fa male?

Da qualche tempo si leggono opinioni contrastanti riguardo alla sua sicurezza, in Italia però, chi vende questo prodotto deve rispettare leggi che regolano l’uso di sostanze ammesse per il contatto con gli alimenti, anche se non esiste ancora una normativa comunitaria specifica sulla tossicità.

2.1 Carta da forno: tossicità e precauzioni

Leggere attentamente l’etichetta è il primo consiglio. La carta da forno non è adatta a temperature superiori ai 220°C, poiché potrebbe disintegrarsi, infatti, oltre i 200°C, comincia a scurirsi progressivamente e questo è il primo segnale di un pericoloso deterioramento.

2.2 Diciamo no al PVC

Per ridurre il rischio, possiamo scegliere carte forno senza PVC e realizzate con materiali sicuri, vediamole più da vicino.

La carta da forno senza PVC è una scelta ecologica e sicura per la cottura degli alimenti perché, a differenza di quella tradizionale che può contenere policloruro di vinile (PVC), un materiale plastico dannoso per la salute e l’ambiente, è realizzata con materiali biodegradabili e privi di sostanze nocive.

Questa innovativa soluzione offre numerosi vantaggi: non solo protegge gli alimenti dalla possibilità di attaccarsi alle superfici di cottura, ma garantisce anche che non si rilascino sostanze tossiche durante il processo di cottura ad alte temperature. Questa alternativa dunque, rappresenta una scelta consapevole e responsabile per chi desidera preservare l’ambiente e garantire una cucina sicura e salutare per se e per la propria famiglia.

3. Scegliere consapevolmente e alternative sicure

Preferiamo carta forno naturale, di colore marroncino, che assicura l’assenza di sbiancamento chimico. Anche i tappetini in silicone possono essere una valida alternativa.

Inutile girarci intorno, stiamo parlando di un prezioso strumento prezioso in cucina, ma è importante usarla con attenzione e consapevolezza. Se preferiamo essere prudenti, possiamo optare per alternative sicure e di qualità.

Spero che questi consigli siano stati utili.

A presto! 👋



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *